• Home
  • Eventi
  • Vinous premia il Lazio vinicolo e la cantina Cincinnato

Vinous premia il Lazio vinicolo e la cantina Cincinnato

La rivista Vinous decanta le colline laziali “potenzialmente d’oro” per la viticoltura e premia il Castore, Raverosse, Polluce ed Ercole di Cincinnato

Durante la bellissima manifestazione di Collisioni, che si svolge ogni luglio a Barolo e promuove buona musica e buon vino, alcune importanti cantine laziali, tra cui Cincinnato, hanno avuto l’opportunità di incontrare la redazione della rivista Vinous e di presentare i propri vini. Le positive impressioni a seguito dell’incontro sono state confermate da un articolo recentemente pubblicato da Ian D’Agata sulla rivista, che si può leggere qui.

La celebrazione delle terre laziali  per la loro straordinaria vocazione alla viticoltura, rimasta purtroppo frustrata per secoli, è appassionata, come se l’autore stesse fremendo per esternarla. Esprime con forza la sua idea affermando già nel titolo che “nelle colline laziali c’è potenziale oro“. L’unicità della combinazione di alcune condizioni (clima mite, terreno geologicamente ricco e vario, brezza marina, precipitazioni adeguate, numerose varietà autoctone e notevole escursione termica tra giorno e notte) possono produrre risultati eccellenti. Per fortuna, aggiunge, la nuova generazione di viticoltori sta investendo moltissimo in qualità. Ancora a favore dei vini laziali, il Bellone viene considerato uno dei vitigni autoctoni bianchi con maggiore potenzialità sul panorama nazionale e l’area intorno a Cori particolarmente promettente. Queste e le altre considerazioni contenute nell’articolo hanno sicuramente corroborato l’entusiasmo del settore vinicolo locale.

Sono tuttavia i punteggi a dar concretezza alle parole di Ian D’Agata, come mostrano i risultati e i commenti pubblicati da Vinous riguardo le degustazioni al Festival di Collisioni. I vini Cincinnato in particolare sono usciti assolutamente gratificati da questa esperienza. Castore, l’unico bianco testato, ha ottenuto 91 punti, così come Ercole e Polluce, mentre il Raverosse ne ha ottenuti 87. La recensione, redatta da tale autorevole rivista, rappresenta un’ importante vittoria per tutto il lazio vinicolo, sottolineando il suo grande potenziale, e per la cantina Cincinnato, dimostrando che il potenziale è già in atto.